buzzoole code

The Best Of: New York Fashion Week P/E 2012

6:21 PM


Ci ho messo 3 giorni a preparare questo post, quindi anche se non doveste essere d'accordo con me, quanto meno apprezzate lo sforzo! :P
Ho cercato di riassumere ciò che più mi è piaciuto di questa Mercedes Benz Fashion Week di New York per la primavera estate 2012. Naturalmente ho saltato alcuni stilisti, fondamentalmente perché non mi hanno colpito più di tanto, ma spero che questa BREVE (ahahah) rassegna della moda, sarà più' facile da leggere o anche solo "sfogliare" anche per chi non si è voluto sciroppare tutti i video e tutte le foto.







Nicholas K


Collezione ispirata al mare e i suoi colori, tessuti che scivolano addosso e si piegano su stessi alternando lo chiffon al cotone, dalla pelle trattata fino al jersey. Verde oliva, blu delfino, lavanda, indaco e bianco latte.














BCBG Max Azria


Collezione di carattere a metà tra il tribale e la geometria. Colori forti e intensi come il giallo zafferano e l'arancio saturo, ma anche il verde smeraldo e il grigio. Un trionfo di leggerezza per i tessuti utilizzati: crêpe di seta, chiffon di seta ed anche seta georgette.
Un nuovo tipo di color block, sicuramente una valida alternativa ai blocchi di colore fluo.




















Cushnie et Ochs

Mi è piaciuta davvero molto questa collezione, è da tempo che cerco un abito con il bustino strutturato in maniera geometrica, li trovo sensuali e audaci ma non volgari, Helmut Newton docet e Carly e Michelle hanno centrato il bersaglio. 
Colori accesi come il giallo limone e il rosa big babol, scarpa in tono ed abiti dal taglio poliedrico: staranno bene quasi a tutte.











Il mio preferito!!!





Wes Gordon

Mi hanno colpito due o tre uscite di questa collezione per il pantalone a palazzo, grande ritorno del prossimo anno, la versione in seta doupioni in rosa cipria, a vita alta poi, mi piace veramente molto. 
E che dire della jumpsuit? Straordinaria. Inoltre credo proprio che ci porteremo ancora dietro la fantasia rettile, e personalmente apprezzo questo shorts abbastanza ironico insieme al blazer dal risvolto piramidale. Però la modella sembra un cadavere!











Kevork Kiledjian

Bingo anche per la collezione K.K. che incontra ampiamente i mie gusti: queste tonalità di verde militare, satinato e oliva, s'incontrano a tessuti quali la pelle, il pizzo, le paillettes... come potrebbe non piacermi? Trovo eccezionale l'accostamento del verde al fuxia, un'idea che copierò sicuramente.













Sally LaPointe

Finalmente si rompono le regole nella passerella newyorkese: abiti futuristici presentati in un ambiente pseudo ospedaliero illuminato da vecchi candelabri, le linee architettoniche e strutturate degli abiti dialogano con la sinuosità dello shantung. Non a caso una delle clienti più affezionate di SallyLaPointe e proprio Lady Gaga.


















Christian Siriano

Vincitore del reality tv Project Runway, Siriano presenta questa collezione giocando con il tulle e le piume, con forti contrasti cromatici dati anche solo da una pochette di serpente in verde fluo. Lo trovo piuttosto noioso, e voi?














Alexander Wang

Athletic chic è la parola d'ordine di questa collezione, nuove sperimentazioni per il giovane stilista prodigio che cavalca il successo della moda americana, la sua moda, figlio di una nuova generazione di stilisti futuristici, rimane fresco e innovativo nonostante il successo l'abbia già travolto.
Personalmente non ho amato questa collezione, mi piace il tessuto traforato e il tessuto tecnico, ma sono rimasta delusa da questa passerella veramente troppo, troppo sportiva.














Victoria Beckham

Questa nuova tendenza sportiva ha contagiato diverse passerelle, che prevedono una donna meno ingessata, piu' comoda ma mai banale. E V.Beckam reinterpreta lo sport in chiave sexy, utilizzando anch'essa la pelle traforata come se fosse una rete, abiti succinti e attillatissimi contrastati da cappelli da baseball e tracolle super sporty. Lo sport, a colpi di stiletto.
















DKNY

Uno dei prossimi must-have sarà il cappello a tesa larga, sinuoso e bohémien. Total look per questa collezione che presenta abiti asimmetrici in colori come il fuxia, il rosso e il blu. In maniera del tutto opposta, calca la passerella anche un modello più rigido; bianco, nero o blu formato da stupendi blazer e pantaloni a sigaretta.






















Zac Posen

Adoro questa collezione. Mi sono piaciute tutte le uscite, nonostante la lunghezza midi delle gonne dei primi outfit che tanto odio. Un esplosione di sartoria di lusso nei corpetti rigidi e strutturati che poi continuano in una cascata di tulle, pizzo e balze. Abiti a sirena che disegnano la figura e riportano in auge la donna austera ed elegante.


















Rachel Zoe

E' d'obbligo mostrare qualche outfit della stylist delle star, Rachel Zoe. Uno stile contemporaneo e dei capi estremamente portabili nella vita di tutti i giorni, come shorts a vita alta di pelle, clutch e camicie passe-partout ma anche alcuni abiti degni di una copertina o di una prima. Proprio lei che ama indossare abiti lunghi coperti da blazer molto più' corti, ci mostra un possibile mix and match per il prossimo anno. Però trovo il tutto un po' banale.














Marc Jacobs

Va bene l'irriverenza, il rompere gli schemi, l'essere originali a tutti i costi... ma parliamone! Forse si potrebbe mixare questa collezione e non pensare ad un total look per rendere tutto più portabile, ma anche se la moda è arte, qui non si tratta di essere esposte in un museo, ed a meno che non sei Anna dello Russo non so quanto uno di questi outfit possa essere ricalcato per strada. 
Amo Marc Jacobs come personaggio, e trovo che si possano trovare delle vere chicche nella seconda linea, Marc by Marc, però ecco questa non mi ha entusiasmato, anche se da persone del settore, è stata definita esilarante. 

























T by Alexander Wang

back to basic per la seconda linea di Wang. Questa si che incontra i miei gusti!
Semplicità ricercata, linee essenziali e colori neutri, ci vuole molta piu personalità per indossare un abito del genere che un accrocco di mille fantasie e tessuti sgargianti, e quella blusa rosa la comprerei adesso!












Marc by Marc Jacobs


Mah. Come non detto. Non mi dice proprio nulla questa collezione. Belli i colori, anche se trovo che siano una ripetizione dell'estate appena conclusa, arancione, blu, verde militare. Di nuovo!
L'unica uscita che mi ha veramente colpita è stata quella di questo costume intero, che trovo veramente chic e retrò al punto giusto. Si, questo si.  E la visiera? Non ditemi che andrà di moda, ve ne supplico

                                                     














Vera Wang

Sublime. Una collezione sublime, eterea e leggiadra. Ritroviamo con piacere le maxi gonne di tulle, i sandali con il plateau, e quella svasatura disegnata sul busto, che ci porta un'ottica diversa, di un busto femminile segnato dal punto vita, anche per chi il punto vita non ce l'ha. 






















Diesel Black Gold

Un tripudio di metallo, luccichio, tessuti liquidi. Immaginate quanto potrebbero star bene queste tonalità solitamente invernali, su di una pelle abbronzata e luminosa. Nuovi lavaggi innovativi per il denim di Diesel, blazer, camicette preppy dai colletti lavorati e rivisitazioni metalliche per il più' classico del maglioncino  a "V".



























Marchesa

Se penso all'haute couture penso Marchesa. Il non plus ultra del romanticismo e dell'alta sartoria. Abiti principeschi ma mai datati, sempre attuali, sempre protagonisti senza mai essere eccessivi. Per questa nuova collezione, Marchesa finalmente ha deciso di dare movimento alle modelle e di non tenerle più statiche come gli scorsi anni; e così gli abiti diventano magici: paillettes, lustrini, piume di pavone, tulle su corpetti di seta. Questi diamanti dell'alta moda sono talmente preziosi e carichi di luce, talmente pieni di vita propria che le modelle non indossano nessun tipo di gioiello, ne forse di make-up. Per me questa è stata senz'altro la sfilata più' affascinante di New York.  






















Oscar De La Renta

L'opulenza e la magnificenza di questo artista, traboccano da questa nuova collezione fatta di gonne infinitamente ampie,  boleri in pizzo, sangallo, ricami d'altri tempi. Sabot a punta con il plateau, d'ispirazione magica e fiabesca, accompagnati da grandi orecchini e capelli voluminosi. Secondo me De La Renta, ha dato il meglio di se con l'abito senza spalline rosa antico, movimentato dalle piume verticali, una rivisitazione dell'abitino anni '30 che finiva al ginocchio, un modello unico che lascia a bocca aperta.






















Phillip Lim

Uno stile diretto, senza troppi fronzoli. Leggiadria, colori talvolta pastello, talvolta acidi. Una collezione aspra e senza mezzi termini che mi è piaciuta proprio per questo. Forme sincere, colori pieni e inusuali, una forma d'arte e di moda del prossimo futuro: la creatività mista alla comodità, l'essenziale che non deve stancare. 













Philosophy di Alberta Ferretti

Collezione romantica, colori tenui, pizzo e trasparenze. Stampe floreali in leggeri colori pastello, cinte sottili a segnare il punto vita; mentre ai piedi vediamo delle graziose mary janes in rosa, viola, blu ghiaccio. L'allure Ferretti rimane incontrastato.












Ralph Lauren

Entusiasmante questa nuova collezione! Eleganza a profusione, dettagli cromatici e stilistici che regalano bon ton e accuratezza anche in outfit piu' innovativo come il completo gessato, da uomo e con il pantalone corto. Una donna pronta per un pic-nic come per il red carpet.
Trovo incantevole la giacca di pelle rosa, e il lungo abito fatto di piume e lustrini.






















Concludo questa rassegna della Mercedes Benz Fashion Week di NY, cercando di tirare ancor di piu le somme e capire a grandi linee quali potrebbero essere i prossimi trend di stagione.

✔ Piume, possibilmente colorate nei toni pastello.
✔ Abiti di seta, in tutte le sue declinazioni, come se fossero  
    sottovesti, ma anche canottiere.
✔ Blazer sempre piu' maschili, completi quasi androgini
✔ Paillettes e lustrini come se piovesse
✔ Giacche e top asimmetrici, dal taglio geometrico
✔ Bustini lavorati o comunque dal taglio architettonico
✔ Cappelli a tesa larga
✔ Gonne anni '60
✔ Pantaloni alla caviglia
✔ Pochette anche di giorno
✔ Tacchi con il plateau sempre più alti (e sempre più 
    pericolose)

E per i colori?
Sicuramente il rosa, il verde smeraldo, il grigio chiaro, l'argento e l'arancione. 




CREDITS
Tutte le foto sono state prese dal sito di VOGUE.it mentre i testi sono originali e scritti da me, per tanto non autorizzo nessun tipo di utilizzo o di copia senza preavviso. 

You Might Also Like

31 commenti

♡ The comments keep alive my blog, thank you so much ♡

Follow me on FACEBOOK TWITTER BLOGLOVIN

EMAIL ME

Nome

Email *

Messaggio *

VISIT MY SHOP ONLINE